La storia della zanzariera plissettata SqualoNet

Pubblicato il 06/02/2017

Uno dei marchi trattati dall’azienda F.lli Lanzi, è SqualoNet.

La storia di SqualoNet parte da una decisione molto importante presa da Sergio Marcantoni, il suo inventore. Sergio, all’età di 35 anni, aveva un buon posto di lavoro come dipendente statale al Centro Sperimentale Metallurgico, che gli permetteva di vivere in maniera agiata, con la possibilità di viaggiare molto ed avere tutto pagato. Un giorno, però, Sergio prese una decisione avventata: si licenziò, prese la sua liquidità e investì il tutto nella sua nuova azienda.

Sergio si aprì una piccola attività che si occupava di rivendita di accessori su Roma e provincia per tende da interni. Raccolta una somma ragionevole, Sergio decise di investire tutto nella sua prima invenzione, l’anello per bastoni per tende, concepito in una maniera del tutto innovativa rispetto a quelli già esistenti. I problemi, però, cominciarono quando alla scadenza del brevetto, i produttori orientali cominciarono a copiargli l’idea. Le vendite crollarono inesorabilmente e cominciarono a sorgere le prime preoccupazioni in Sergio.

Quest’ultimo, però, non si demoralizzò e sfoderò un asso nella manica che aveva progettato da parecchio tempo: la zanzariera plissettata. L’idea era di creare una zanzariera differente da quella tradizionale a rullo, che nel rilascio in fase di chiusura si imprime forza alla molla che con il passare del tempo crea difetti e usure all’oggetto. Così Sergio sviluppo la sua idea con la realizzazione di una versione laterale, capace di essere azionata da qualsiasi punto, senza mettere a rischio chi l’attiva.

Un prodotto, quello trattato dall’azienda di zanzariere a Viterbo, che vide il signor Sergio impiegare ben 12 anni per mettere a punto la sua idea ed investire tutto nella sua realizzazione.

Dopo la messa a punto degli stampi in plastica, gli mancava solo la rete, pertanto decise di affidarsi ad un’azienda italiana molto affermata nei tessuti. Qualche tempo dopo, però, nell’attesa del materiale per dare vita finalmente alla sua creazione, ricevette una chiamata dal suo fornitore, il quale gli disse che non poteva più procurargli la rete plissettata che stava aspettando in quanto non riusciva a plissettarla.

Sergio ebbe paura di aver rischiato inutilmente e di aver sbagliato ad aver abbandonato tutto ciò che lo aveva aiutato a condurre una vita agiata, per questa creatura che non sarebbe mai riuscito a dare alla luce.

Così Sergio si giocò la sua ultima carta, pensando di acquistare una macchina plissettatrice e studiare lui stesso come poter plissettare la rete.

Finalmente Sergio riuscì nel sua impresa, creando così la prima zanzariera plissettata nella storia italiana dal nome SqualoNet. Oggi, a distanzi di anni, la zanzariera plissettata SqualoNet guadagna sempre più mercato ed è stata copiata come invenzione dalle piccole alle grandi aziende.

L’azienda F.lli Lanzi è fiera di offrire ai propri clienti le zanzariere a Viterbo un marchio come quello di SqualoNet.